Rinaldo Balzan (Belluno 1919-2007) pittore dal 1956, ha preso parte a manifestazioni d'arte nazionali ed internazionali ottenendo numerosi premi e riconoscimenti.
per informazioni tel: 0437 943315
3924988876 - 050 542332
e-mail: g.balzan@libero.it
Rinaldo Balzan (Belluno 1919 - 2007). Painter since 1956, he partecipated in national and international exhibitions winning several prizes and acknowledgements.
Nature seen in its essentiality, as synthesis of the view, the fantasy expressed in its fairy component, as escape towards the unreality. Around these two poles the artistic match of Balzan has been playing, for several years. We can understand therefore how the criticism dwelled upon these two aspects, pointing to Kandinsky and Zen art or, at the first origins of the Venetian Impressionism.
The fact is that the artist changes slightly from the landscapes suffused with tonal light, to the several foreshortenings of his town with arcades in front of which kind figures of ladies and musicians crowd together. At the end we recognize that the painting is the same: soft, suffused with light, dissolved with auroral colour, with a suggestion that we could define neo-15th century.


from a criticism of
Paolo Rizzi

La natura vista nella sua essenzialità, come sintesi componente della visione, la fantasia espressa nella sua componente fiabesca, come fuga verso l'irrealtà. Su questi due poli si gioca, da molti anni ormai, la partita artistica di Balzan. Si può capire quindi come la critica si sia, volta a volta, soffermata su uno o sull'altro dei due aspetti, magari indicando Kandinski e l'arte Zen, o invece le fonti prime dell'impressionismo veneto.
Il fatto è che l'artista bellunese passa lievemente dai paesaggi soffusi di luce tonale, memore della dolcezza della sua terra, ai tanti suoi caratteristici scorci di città coi porticati, davanti a cui si affollano figurine gentili di damigelle e musicanti. Alla fine si riconosce che la pittura è la stessa: morbida, soffusa di luce, stemperata di colori aurorali, con una suggestione che potremmo definire neo-quattrocentesca.

da una critica di Paolo Rizzi

Quadri